Privacy Policy  Cookie Policy

Tutta la montagna e dintorni

beenhere Borghi e frazioni   cloud_download App & Widget

Il Battesimo e le Nozze

Cari amici, amarcord circa 25/30 anni fa, durante i pranzi di nozze o battesimi, si usava comporre versi in rima dialettale, per ringraziare gli sposi e mettere in evidenza le loro qualità o per celebrare il bambino che entrava nella comunità cristiana.
Queste Rime venivano declamate a tavola quando , dopo aver bevuto qualche bicchiere di vino, l’atmosfera si faceva molto “briosa”.
Se fra i presenti si trovava qualche “maggerino”  il sonetto o la quartina non mancavano mai.

E’ un’usanza quasi del tutto perduta, che ricordo con tanta simpatia.

Durante la festa del battesimo nella canonica adiacente la chiesa

Aiabiom fat  un Cristian
Un fiulin ed qui da “ranocch
Pan e vin tourte e  biscocch
E ghin sra’ anch pur sagreustan!

Il battesimo

Il battesimo

In italiano

Abbiamo fatto un cristiano
Un bambino della casata di quelli dei “Ranocchi”
Pane vino torte e biscotti
Ce ne saranno anche per il sacrestano

Durante la festa di matrimonio (il nozz)

A scioma  chi’ present
Con i spusch e ben cuntent
Bun  l’aroscht  e anc i tourtlin
Evviva  Ilario un secund  “Paganin”

Festa matrimonio

Festa matrimonio

In italiano

Siamo qui presenti
Con gli sposi e anche i parenti
Buon l’arrosto e  buoni i vini
Evviva Ilario secondo Paganini

Ilario , lo sposo, era un suonatore di violino